Guido Guinizelli - Opera Omnia >>  Rime Parafrasi    




 

ilguinizelli testo integrale brano completo citazione delle fonti commedie opere storiche in prosa e versi, dante alighieri, dnte, alighiri


I


[ canzone ]

Madonna, il fino amor ched eo vo porto
mi dona sì gran gioia ed allegranza
(ch'aver mi par d'Amore)
che d'ogni parte m'aduce conforto,
quando mi membra di voi la 'ntendanza,
a farmi di valore,
a ciò che la natura mia me mina
ad esser di voi, fina,
così distrettamente innamorato
che mai in altro lato
Amor non mi pò dar fin piagimento:
anzi d'aver m'allegra ogni tormento.

Dar allegranza amorosa natura
senz'esser l'omo a dover gioi compire,
inganno mi simiglia:
ch'Amor, quand'è di propïa ventura,
di sua natura adopera il morire,
così gran foco piglia;
ed eo, che son di tale amor sorpriso,
tegnom' a grave miso
e non so che natura dé compire,
se non ch'audit'ho dire
che 'n quello amare è periglioso inganno
che l'omo a far diletta e porta danno.

Sottil voglia vi poteria mostrare
come di voi m'ha priso amore amaro,
ma ciò dire non voglio,
ché 'n tutte guise vi deggio laudare:
per ch'e' più dispietosa vo'n declaro
se blasmo vo'nde toglio.
Fiemi forse men danno a sofferire,
ch'Amor pur fa bandire
che tutta scanoscenza sia in bando,
e che ritrae 'l comando
a l'acusanza di cului c'ha 'l male:
ma voi non blasmeria; istia, se vale.

Madonna, da voi tegno ed ho 'l valore;
questo m'avene, stando voi presente,
che perd'ogni vertute:
ché le cose propinque al lor fattore
si parten volentero e tostamente
per gire u' son nascute;
da me fanno partut'e vène 'n voi,
là u' son tutte e plui;
e ciò vedemo fare a ciascheduno,
ch'el si mette 'n comuno
più volenteri tra li assai e boni,
che non stan sol', se 'n ria parte no i poni.

In quella parte sotto tramontana
sono li monti de la calamita,
che dàn vertud' all'aire
di trar lo ferro; ma perch'è lontana,
vòle di simil petra aver aita
per farl'adoperare,
che si dirizzi l'ago ver' la stella.
Ma voi pur sète quella
che possedete i monti del valore,
unde si spande amore;
e già per lontananza non è vano,
ché senz'aita adopera lontano.

Ahi Deo, non so ch'e' faccia ni 'n qual guisa,
ché ciascun giorno canto a l'avenente,
e 'ntenderme non pare:
ché 'n lei non trovo alcuna bona entisa
und' ardisc' a mandare umilemente
a lei merzé chiamare;
e saccio ch'ogni saggio e' porto fino
d'Amor che m'ha 'n dimino,
ch'ogni parola che a ciò fòri porto
pare uno corpo morto
feruto a la sconfitta del meo core,
che fugge la battaglia u' vince Amore.

Madonna, le parole ch'eo vo dico
mostrano che 'n me sïa dismisura
d'ogni forfalsitade;
né 'n voi trova merzé ciò che fatico,
né par ch'Amor possa per me drittura
sor vostra protestade;
né posso onqua sentire unde m'avene,
se non ch'e' penso bene
ch'Amor non pori' aver in voi amanza;
e credolo 'n certanza,
ch'elo vo dica: « Tenlo innamorato,
ch'a la fine poi mora disamato ».

D'ora 'n avanti parto lo cantare
da me, ma non l'amare,
e stia ormai in vostra canoscenza
lo don di benvoglienza,
ch'i' credo aver per voi tanto 'narrato:
se ben si paga, molto è l'acquistato.


II


[ canzone ]

Donna, l'Amor mi sforza
ch'eo vi deggia contare
com'eo so 'nnamorato,
e ciascun giorno inforza
la mia voglia d'amare:
pur foss'eo meritato!
Sacciate in veritate
che sì pres'è 'l meo core
di vo', incarnato amore,
ca more di pietate,
e consomar lo faite
in gran foch' e 'n ardore.

Nave ch'esce di porto
con vento dolze e piano,
fra mar giunge in altura;
poi vèn lo tempo torto,
tempesta e grande affanno
li aduce la ventura;
allor si sforza molto
como possa campare,
che non perisca in mare:
così l'amor m'ha colto
e di bon loco tolto
e miso a tempestare.

Madonna, audivi dire
che 'n aire nasce un foco
per rincontrar di venti;
se non more 'n venire
in nuviloso loco,
arde immantenenti
ciò che dimora loco:
così 'n le nostre voglie
contrar' aire s'accoglie,
unde mi nasce un foco
lo qual s'astingue un poco
in lagrime ed in doglie.

Grave cos'è servire
signor contra talento
e sperar guiderdone,
e mostrare 'n parere
che sia gioia 'l tormento
contra su'oppinïone.
Donqua si dé gradire
di me, che voglio ben fare,
e ghirlanda portare
di molto orgoglio ardire:
che s'eo voglio ver dire,
credo pinger l'aire.

A pinger l'air son dato,
poi ch'a tal sono adutto:
lavoro e non acquisto.
Lasso, ch'eo li fui dato!
Amore a tal m'ha 'dutto,
fra gli altri son più tristo.
O signor Geso Cristo,
fu' i' però sol nato
di stare innamorato?
Poi madonna l'ha visto,
megli' è ch'eo mora in quisto:
forse n'avrà peccato.


III


[ canzone ]

Al cor gentil rempaira sempre Amore
come l'ausello in selva a la verdura;
né fe' Amor anti che gentil core,
né gentil core anti ch'Amor, natura:
ch'adesso con' fu 'l sole,
sì tosto lo splendore fu lucente,
né fu davanti 'l sole;
e prende Amore in gentilezza loco
così propïamente
come calore in clarità di foco.

Foco d'amore in gentil cor s'aprende
come vertute in petra prezïosa,
che da la stella valor no i discende
anti che 'l sol faccia gentil cosa;
poi che n'ha tratto fòre
per sua forza lo sol ciò che li è vile,
stella li dà valore:
così lo cor ch'è fatto da natura
asletto, pur, gentile,
donna a guisa di stella lo 'nnamora.

Amor per tal ragion sta 'n cor gentile
per qual lo foco in cima del doplero:
splendeli al su' diletto, clar, sottile;
no li stari' altra guisa, tant'è fero.
Così prava natura
recontra amor come fa l'aigua il foco
caldo, per la freddura.
Amor in gentil cor prende rivera
per suo consimel loco
com'adamàs del ferro in la minera.

Fere lo sol lo fango tutto 'l giorno:
vile reman, né 'l sol perde calore;
dis' omo alter: « Gentil per sclatta torno »;
lui semblo al fango, al sol gentil valore:
ché non dé dar om fé
che gentilezza sia fòr di coraggio
in degnità d'ere'
sed a vertute non ha gentil core,
com'aigua porta raggio
e 'l ciel riten le stelle e lo splendore.

Splende 'n la 'ntelligenzïa del cielo
Deo crïator più che 'n nostr'occhi 'l sole:
quella intende suo fattor oltra cielo,
e 'l ciel volgiando, a Lui obedir tole;
e con' segue, al primero,
del giusto Deo beato compimento,
così dar dovria, al vero,
la bella donna, poi che 'n gli occhi splende
del suo gentil, talento,
che mai di lei obedir non si disprende.

Donna, Deo mi dirà: « Che presomisti? »,
sïando l'alma mia a Lui davanti.
« Lo ciel passasti e 'nfin a Me venisti
e desti in vano amor Me per semblanti:
ch'a Me conven le laude
e a la reina del regname degno,
per cui cessa onne fraude ».
Dir Li porò: « Tenne d'angel sembianza
che fosse del Tuo regno;
non me fu fallo, s'in lei posi amanza ».


IV


[ canzone ]

Tegno de folle 'mpres', a lo ver dire,
chi s'abandona inver' troppo possente,
sì como gli occhi miei che fér' esmire
incontr'a quelli de la più avenente
che sol per lor èn vinti
senza ch'altre bellezze li dian forza:
ché a ciò far son pinti,
sì come gran baronia di segnore,
quando vuol usar forza,
tutta s'apresta in donarli valore.

Di sì forte valor lo colpo venne
che gli occhi no'l ritenner di neente,
ma passò dentr' al cor, che lo sostenne
e sentési plagato duramente;
e poi li rendé pace,
sì come troppo agravata cosa,
che more in letto e giace:
ella non mette cura di neente,
ma vassen disdegnosa,
ché si vede alta, bella e avenente.

Ben si pò tener alta quanto vòle,
ché la plu bella donna è che si trove
ed infra l'altre par lucente sole
e falle disparer a tutte prove:
ché 'n lei èno adornezze,
gentilezze, savere e bel parlare
e sovrane bellezze;
tutto valor in lei par che si metta;
posso 'n breve contare:
madonna è de le donne gioia eletta.

Ben è eletta gioia da vedere
quand'apare 'nfra l'altre più adorna,
ché tutta la rivera fa lucere
e ciò che l'è d'incerchio allegro torna;
la notte, s'aparisce,
como lo sol di giorno dà splendore,
così l'aere sclarisce:
onde 'l giorno ne porta grande 'nveggia,
ch'ei solo avea clarore,
ora la notte igualmente 'l pareggia.

Amor m'ha dato a madonna servire:
o vogl'i' o non voglia, così este;
né saccio certo ben ragion vedere
sì como sia caduto a 'ste tempeste:
da lei non ho sembiante
ed ella non mi fa vist'amorosa,
per ch'eo divegn'amante,
se non per dritta forza di valore,
che la rende gioiosa;
onde mi piace morir per su' amore.


V


[ sonetto ]

Ch'eo cor avesse, mi potea laudare
avante che di voi foss'amoroso,
ed or è fatto, per tropp'adastare
di voi e di me, fero ed argoglioso:

ché subitore me fa isvarïare
di ghiaccio in foco e d'ardente geloso;
tanto m'angoscia 'l prefondo pensare
che sembro vivo e morte v'ho nascoso.

Nascosa morte porto in mia possanza,
e tale nimistate aggio col core
che sempre di battaglia me menaccia;

e chi ne vol aver ferma certanza,
riguardimi, se sa legger d'amore,
ch'i' porto morte scritta ne la faccia.


VI


[ sonetto ]

Gentil donzella, di pregio nomata,
degna di laude e di tutto onore,
ché par de voi non fu ancora nata
né sì compiuta de tutto valore,

pare che 'n voi dimori onne fïata
la deïta de l'alto deo d'Amore;
de tutto compimento siete ornata
e d'adornezze e di tutto bellore:

ché 'l vostro viso dà sì gran lumera
che non è donna ch'aggia in sé beltate
ch'a voi davante non s'ascuri in cera;

per voi tutte bellezze so' afinate,
e ciascun fior fiorisce in sua manera
lo giorno quando vo' vi dimostrate.


VII


[ sonetto ]

Lamentomi di mia disaventura
e d'un contrarïoso distinato,
di me medesmo ch'amo for misura
una donna da cui non sono amato;

e dicemi Isperanza: « Sta' a la dura,
non ti cessar per reo sembiante dato,
ché molto amaro frutto si matura
e diven dolce per lungo aspettato ».

Donqua creder vogl'io a la Speranza:
credo che mi consigli lealmente
ch'eo serva a la mia donna con leianza.

Guigliardonato serò grandemente:
ben mi rasembra reina di Franza,
poi de l'altre mi pare la più gente.


VIII


[ sonetto ]

Lo vostro bel saluto e 'l gentil sguardo,
che fate quando v'encontro, m'ancide:
Amor m'assale e già non ha reguardo
s'elli face peccato over merzede,

ché per mezzo lo cor me lanciò un dardo
ched oltre 'n parte lo taglia e divide;
parlar non posso, ché 'n pene io ardo
sì come quelli che sua morte vede.

Per li occhi passa come fa lo trono,
che fer per la finestra de la torre
e ciò che dentro trova spezza e fende;

remagno como statüa d'ottono
ove vita né spirto non ricorre,
se non che la figura d'omo rende.


IX


[ sonetto ]

Vedut'ho la lucente stella diana,
ch'apare anzi che 'l giorno rend'albore,
c'ha preso forma di figura umana;
sovr'ogn'altra me par che dea splendore:

viso de neve colorato in grana,
occhi lucenti, gai e pien' d'amore;
non credo che nel mondo sia cristiana
sì piena di biltate e di valore.

Ed io dal suo valor son assalito
con sì fera battaglia di sospiri
ch'avanti a lei di dir non seri' ardito.

Così conoscess' ella i miei disiri!
ché, senza dir, de lei seria servito
per la pietà ch'avrebbe de' martìri.


X


[ sonetto ]

Io voglio del ver la mia donna laudare
ed asembrarli la rosa e lo giglio:
più che stella dïana splende e pare,
e ciò ch'è lassù bello a lei somiglio.

Verde river' a lei rasembro e l'âre,
tutti color di fior', giano e vermiglio,
oro ed azzurro e ricche gioi' per dare:
medesmo Amor per lei rafina meglio.

Passa per via adorna, e sì gentile
ch'abassa orgoglio a cui dona salute,
e fa 'l de nostra fé se non la crede;

e no lle pò apressare om che sia vile;
ancor ve dirò c'ha maggior vertute:
null'om pò mal pensar fin che la vede.


XI


[ sonetto ]

Dolente, lasso, già non m'asecuro,
ché tu m'assali, Amore, e mi combatti:
diritto al tuo rincontro in pie' non duro,
ché mantenente a terra mi dibatti,

come lo trono che fere lo muro
e 'l vento li arbor' per li forti tratti.
Dice lo core agli occhi: « Per voi moro »,
e li occhi dice al cor: « Tu n'hai desfatti ».

Apparve luce, che rendé splendore,
che passao per li occhi e 'l cor ferìo,
ond'io ne sono a tal condizïone:

ciò furo li belli occhi pien' d'amore,
che me feriro al cor d'uno disio
come si fere augello di bolzone.


XII


[ sonetto ]

Si sono angostïoso e pien di doglia
e di molti sospiri e di rancura,
che non posso saver quel che mi voglia
e qual poss'esser mai la mia ventura.

Disnaturato son come la foglia
quand'è caduta de la sua verdura,
e tanto più che m'è secca la scoglia
e la radice de la sua natura:

sì ch'eo non credo mai poter gioire,
né convertir – la mia disconfortanza
in allegranza – di nessun conforto;

soletto come tortula voi' gire,
solo partir – mia vita in disperanza,
per arroganza – di così gran torto.


XIII


[ sonetto ]

Pur a pensar mi par gran meraviglia
come l'umana gent' è sì smarrita
che largamente questo mondo piglia
com' regnasse così senza finita,

e 'n adagiarsi ciascun s'assottiglia
come non fusse mai più altra vita:
e poi vène la morte e lo scompiglia,
e tutta sua 'ntenzion li vèn fallita;

e sempre vede l'un l'altro morire
e vede ch'ogni cosa muta stato,
e non si sa 'l meschin om rifrenire;

e però credo solo che 'l peccato
accieca l'omo e sì lo fa finire,
e vive come pecora nel prato.


XIV


[ sonetto ]

Fra l'altre pene maggio credo sia
sopporre libertà in altrui voglia:
lo saggio, dico, pensa prima via
di gir, che vada, che non trovi scoglia.

Omo ch'è priso non è 'n sua bailia:
conveneli ubedir, poi n'aggia doglia,
ch'a augel lacciato dibattuta è ria,
che pur lo stringe e di forza lo spoglia.

In pace donqua porti vita e serva
chi da signore alcun merito vòle:
a Dio via più, che volontate chere;

a voi, messer, di regula conserva,
pensate a lo proverbio che dir sòle:
« A bon servente guiderdon non père ».


XV


[ sonetto ]

Omo ch'è saggio non corre leggero,
ma a passo grada sì com' vol misura:
quand'ha pensato, riten su' pensero
infin a tanto che 'l ver l'asigura.

Foll'è chi crede sol veder lo vero
e non pensare che altri i pogna cura:
non se dev'omo tener troppo altero,
ma dé guardar so stato e sua natura.

Volan ausel' per air di straine guise
ed han diversi loro operamenti,
né tutti d'un volar né d'un ardire.

Dëo natura e 'l mondo in grado mise,
e fe' despari senni e intendimenti:
perzò ciò ch'omo pensa non dé dire.


XVI


[ sonetto ]

Chi vedesse a Lucia un var capuzzo
in cò tenere, e como li sta gente,
e' non è om de qui 'n terra d'Abruzzo
che non ne 'namorasse coralmente.

Par, sì lorina, figliuola d'un tuzzo
de la Magna o de Franza veramente;
e non se sbatte cò de serpe mozzo
come fa lo meo core spessamente.

Ah, prender lei a forza, ultra su' grato,
e baciarli la bocca e 'l bel visaggio
e li occhi suoi, ch'èn due fiamme de foco!

Ma pentomi, però che m'ho pensato
ch'esto fatto poria portar dannaggio
ch'altrui despiaceria forse non poco.


XVII


[ sonetto ]

Volvol te levi, vecchia rabbïosa,
e sturbignon te fera in su la testa:
perché dimor' ha' in te tanto nascosa,
che non te vèn ancider la tempesta?

Arco da cielo te mandi angosciosa
saetta che te fenda, e sïa presta:
che se fenisse tua vita noiosa,

avrei, senz'altr'aver, gran gio' e festa.
Ché non fanno lamento li avoltori,
nibbi e corbi a l'alto Dio sovrano,
che lor te renda? Già se' lor ragione.

Ma tant'ha' tu sugose carni e dure,
che non se curano averti tra mano:
però romane, e quest'è la cagione.


XVIII


[ sonetto ]

Madonna mia, quel dì ch'Amor consente
ch'i' cangi core, volere o maniera,
o ch'altra donna mi sia più piacente,
tornerà l'acqua in su d'ogni riviera,

il cieco vederà, 'l muto parlente
ed ogni cosa grave fia leggera:
sì forte punto d'amore e possente
fu 'l giorno ch'io vi vidi a la 'mprimiera.

E questo posso dire in veritate:
ch'Amore e stella fermaron volere
ch'io fosse vostro, ed hanlo giudicato;

e se da stella è dato, non crediate
ch'altra cosa mi possa mai piacere,
se Dio non rompe in ciel ciò c'ha firmato.


EDIZIONE DI RIFERIMENTO: "La poesia lirica del duecento", a cura di Carlo Salinari, Classici U.T.E.T., Milano, 1968







eXTReMe Tracker
        Guido Guinizelli - Opera Omnia -  a cura de ilVignettificio  -  Privacy & cookie  -  SITI AMICI : Antica trattoria IL CUCCO

w3c xhtml validation w3c css validation